Rigatoni fatti in casa, ovvero la ricetta giusta per la trafila pasta corta KitchenAid

Ho da poco preso la trafila per la pasta corta di KitchenAid, un accessorio che mi ripromettevo da troppo tempo di aggiungere al mio armamentario. Il mio primo esperimento sono stati dei maccheroni, che ho realizzato con la ricetta proposta nel manualetto di istruzioni: una classica pasta all’uovo, con un uovo intero ogni etto di farina 00, prima una breve passata con il gancio k, poi gancio per impastare un paio di minuti. Il risultato? un disastro. Pasta troppo appiccicosa, maccheroni che si incollano fra di loro, pulizia della macchina da incubo.

Mi sono messo alla ricerca di suggerimenti su internet, ed é stato subito chiaro che la ricetta nel manualetto di istruzioni era completamente sballata. Intanto serve una prevalenza di farina di semola, poi serve in assoluto meno liquido per etto di farina, infine non si deve arrivare alla palla, ma ad un composto granuloso/sabbioso che sará poi la trafila a portare alla definizione opportuna.

Mi sono ispirato, riducendo le quantitá ma rispettando le proporzioni, alla ricetta di questo blog, che mi sembrava promettere la giusta consistenza, e che in effetti ha mantenuto tutte le promesse.

Homemade Rigatoni

Ingredienti:
farina di semola 200g
farina 00 120g
acqua 120g

La preparazione
La preparazione é elementare: metto le farine nella ciotola, veloce passata di gancio k fino ad ottenere il composto granuloso. Passo poi alla trafila. Avendo scelto di fare dei rigatoni, uso la macchina a velocitá 6 mettendo dentro il composto a cucchiaiate. Ogni volta che la vite senza fine al suo interno torna visibile, aggiungo una o due altre cucchiaiate.

Oggi i rigatoni sopra saranno in tavola accompagnati da un buon ragù bolognese, e la mia esigentissima figlia mi dirá se ne é valsa la pena.

This entry was posted in Ricette and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *