Rigatoni fatti in casa, ovvero la ricetta giusta per la trafila pasta corta KitchenAid

Ho da poco preso la trafila per la pasta corta di KitchenAid, un accessorio che mi ripromettevo da troppo tempo di aggiungere al mio armamentario. Il mio primo esperimento sono stati dei maccheroni, che ho realizzato con la ricetta proposta nel manualetto di istruzioni: una classica pasta all’uovo, con un uovo intero ogni etto di farina 00, prima una breve passata con il gancio k, poi gancio per impastare un paio di minuti. Il risultato? un disastro. Pasta troppo appiccicosa, maccheroni che si incollano fra di loro, pulizia della macchina da incubo.

Mi sono messo alla ricerca di suggerimenti su internet, ed é stato subito chiaro che la ricetta nel manualetto di istruzioni era completamente sballata. Intanto serve una prevalenza di farina di semola, poi serve in assoluto meno liquido per etto di farina, infine non si deve arrivare alla palla, ma ad un composto granuloso/sabbioso che sará poi la trafila a portare alla definizione opportuna.

Mi sono ispirato, riducendo le quantitá ma rispettando le proporzioni, alla ricetta di questo blog, che mi sembrava promettere la giusta consistenza, e che in effetti ha mantenuto tutte le promesse.

Homemade Rigatoni

Ingredienti:
farina di semola 200g
farina 00 120g
acqua 120g

La preparazione
La preparazione é elementare: metto le farine nella ciotola, veloce passata di gancio k fino ad ottenere il composto granuloso. Passo poi alla trafila. Avendo scelto di fare dei rigatoni, uso la macchina a velocitá 6 mettendo dentro il composto a cucchiaiate. Ogni volta che la vite senza fine al suo interno torna visibile, aggiungo una o due altre cucchiaiate.

Oggi i rigatoni sopra saranno in tavola accompagnati da un buon ragù bolognese, e la mia esigentissima figlia mi dirá se ne é valsa la pena.

Posted in Ricette | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

Purè di patate

Dopo le patate al forno, volendo insistere sul tema delle preparazioni di base, ho pensato ad un purè di patate.

WP_20151208_21_18_52_Pro

Ingredienti:
– 800gr di patate
– 40gr di burro
– 0,7Lit latte

– sale e parmigiano grattugiato, qb

La preparazione

Lavo le patate e le dispongo in una pentola di acqua salata. Porto a bollore e faccio lessare per 30 minuti.

Passo le patate lesse con lo schiacciapatate, e intanto scaldo il latte. In una pentola larga, col fuoco basso, scaldo il burro, e lo incorporo alla patata schiacciata. Incorporo tutto il burro, e passo ad incorporare il latte caldo cuocendo il purè fino a quando è cremoso e senza grumi, mescolando con un cucchiaio di legno.

Prima servire aggiusto di sale, e aggiungo una spolverata di parmigiano grattugiato.

Posted in Ricette | Leave a comment

Quando all’improvviso hai voglia di patate al forno, e all’improvviso torna la voglia di cucinare

A volte vien voglia delle cose così, senza un motivo particolare. Voglia di patate al forno, e voglia di cucinarmele con le mie mani. Mi è successo, ad esempio, ieri e sono venute fuori queste patate al forno. Ricetta semplice, ma sarà poi davvero così semplice?

 

Prima di accingermi ho fatto qualche lettura, ed ho deciso di sperimentare alcuni passaggi che spesso non sono parte delle patate al forno più rustiche e casalinghe:
– i risciacqui in acqua fredda delle patate tagliate, per eliminare un po’ di amido e aumentare la croccantezza
– un veloce passaggio in acqua bollente, prima del passaggio in forno
– il finale di cottura con l’utilizzo del grill, per ottenere una perfetta doratura
– la salatura tardi nel processo di cottura

Sono molto contento del risultato in termini di gusto e doratura, avrei voluto ancora un po’ di croccantezza. Probabilmente la varietà di patata che ho usato era molto ricca di amido.

Gli ingredienti:
– 1Kg di patate
– due spicchi d’aglio
– un rametto di rosmarino
– sale

La preparazione

Metto l’acqua sul fornello, e il forno a preriscaldarsi a 200 gradi.

Intanto taglio le patate a pezzi, e le passo in acqua fredda a perdere un po’ di amido per qualche minuto, le risciacquo un po’ di volte.

Preparo anche il rametto di rosmarino, sminuzzo una parte degli aghi.

Appena l’acqua bolle, le sbollento per 2/3 minuti. Intanto ungo abbondantemente una teglia, la mia non è abbastanza grande per avere un solo strato di patate ma quello sarebbe lo scenario perfetto. Aggiungo anche due spicchi d’aglio in camicia, uno lo schiaccio e l’altro resta intero.

Scolo le patate per benino, le passo nella teglia. Distribuisco il rosmarino sminuzzato e metto il rametto. Non aggiungo sale per il momento, ma irroro bene con olio EVO.

Inforno per 30 minuti a 200 gradi, forno statico.

Al termine dei primi 30 minuti mescolo in modo da rendere la cottura uniforme, la teglia torna in forno per un secondo round di 20 minuti stessa temperatura e modalità.

La cottura ormai è in dirittura di arrivo, mescolo nuovamente le patate, stavolta salo usando un buon sale marino (come si dice in questi casi, qb) e la teglia torna in forno per gli ultimi 10 minuti. Lascio tornare il forno a piena temperatura, poi chiudo la cottura con un colpo di grill.

Posted in Ricette | Leave a comment